Discussione:
Joel Dicker: La verità sul caso Harry Quebert
(troppo vecchio per rispondere)
Gi
2017-10-16 20:01:50 UTC
Permalink
Raw Message
Non chi, non so dove, non so quando, ma tempo addietro mi venne suggerito un
libro: Gli ultimi giorni dei nostri padri.
Mi misi in testa di volerlo leggere, se non che, non so chi, non so dove,
non so quando, lessi diverse recensioni in cui veniva detto peste e corna e
se proprio, dello stesso autore, ci sarebbe stato un ottimo libro: quello in
oggetto.
Ho sempre, diciamo quasi e da una certa età in avanti, tenuto fede ad una
massima: "Un consiglio? No grazie, son capace di sbagliare da solo.". Ma non
l'avevo mai applicata ai libri; forse avrei dovuto farlo.
Veniamo al libro: una soap? Magari! Personaggi "incredibili"; dialoghi
assurdi, interi capitoli che raccontano quanto già raccontato in altri. Una
trama che sembra sviluppata su due piedi per uscire dai vicoli dove l'autore
si è andato a cacciare.
Volevo troncare dopo un centinaio di pagine ma mi sono fatto violenza,
masochista eh, per vedere sin dove si sarebbe arrivati.
Mi sono sfinito, 775 pagine, poco o nulla da salvare, sicuramente 4-500 di
troppo.

Eppure con i suggerimenti raccolti su questo gruppo mi son sempre trovato
bene, quindi continuerò a seguirne i consigli, per i libri eh :-) Sempre
che ci sia ancora qualcuno che frequenti.

Cordialità
Gi


---
Questa email è stata esaminata alla ricerca di virus da AVG.
http://www.avg.com
Trystero
2017-10-18 14:50:52 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Gi
Veniamo al libro: una soap? Magari! Personaggi "incredibili"; dialoghi
assurdi, interi capitoli che raccontano quanto già raccontato in altri. Una
trama che sembra sviluppata su due piedi per uscire dai vicoli dove l'autore
si è andato a cacciare.
Sottoscrivo tutto quello che hai scritto.
Di cose scadenti ne ho lette, soprattutto nel genere "thriller" o
"mystery"che dir si voglia, ma mai mi ero sentito preso in giro come in
questo caso.
La cosa più fastidiosa è quando l'autore (e lo fa più volte!) termina un
capitolo dicendo che il protagonista ha scoperto "qualcosa" e poi cambia
argomento, scena, personaggi, lasciando il lettore ad aspettare pagine e
pagine perché venga finalmente rivelato l'arcano, che a volte era già
intuibile. Come nei peggiori telefilm.
Da prendere a badilate in faccia.
E i personaggi ridicoli, dialoghi penosi e ripetitivi, con colpi di
scena che neppure Carolina Invernizio, e quanti finali? tre?

Ho evitato altre fatiche dello stesso autore.
Giacobino da Tradate
2017-10-18 17:16:21 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Trystero
Ho evitato altre fatiche dello stesso autore.
Ma si chiama Dicker? "Cazzaro"? Colpa mia, ma mai sentito.
--
la cricca dei giacobini (C) M.G.
Loading...